Calcola La Dimensione Della Grondaia: Tabella Con Dimensioni Comuni

Calcola La Dimensione Della Grondaia: Tabella Con Dimensioni Comuni

Drenaggio affidabile con la giusta dimensione della grondaia: le grondaie sono un piccolo dettaglio con un grande effetto. Se il drenaggio del tetto non è garantito in modo affidabile, c’è il rischio di gravi danni all’interno e intorno alla casa. La pioggia che gocciola sempre nello stesso punto sul muro di una casa provoca rapidamente danni causati dall’umidità. Quindi c’è il rischio di muffe e decomposizione del tessuto dell’edificio. Leggi questo testo per scoprire come attrezzare in modo efficiente la tua casa con un potente sistema di drenaggio del tetto.

Puoi sempre controllare il nostro sito Web per ulteriori contenuti: blog

Grondaie: conoscenze e informazioni preliminari

La norma applicabile per le grondaie è  la DIN EN 612 . È sia uno standard tedesco che europeo. Quando acquisti la tua nuova grondaia, assicurati che questo standard sia rispettato. Anche le grondaie della migliore qualità non sono un prodotto particolarmente costoso. Non c’è quindi motivo di esagerare con parsimonia a questo punto. Solo una grondaia prodotta e progettata secondo gli standard può garantire il drenaggio del tetto desiderato e affidabile. Pertanto, non acquistare un “affare” da fonti sconosciute, ma solo prodotti che soddisfano gli standard.

La conformità alla norma significa anche che la grondaia può ancora essere riparata o ampliata in pezzi. Non sono quindi necessarie patch temporanee, anche se i singoli pezzi provengono da produttori diversi.

Cosa significa “parziale” per le dimensioni di una grondaia?

Alcuni produttori di grondaie usano ancora il termine “parziale” per descrivere i loro prodotti. Ciò non significa il numero di singole sezioni necessarie per racchiudere un bordo del tetto con grondaie. Il termine risale all’epoca in cui le grondaie erano ricavate da singole lamiere e rivettate insieme. Tuttavia, questa designazione non è più aggiornata per i sistemi di drenaggio del tetto di oggi.

Dimensione base: “Superficie del tetto proiettata”

La “zona proiettata del tetto” è determinante per il calcolo della dimensione della grondaia. “Proiettato” significa che non viene presa l’area effettiva di un tetto, ma l’area che il tetto copre dalla proprietà. Questa può anche essere pensata come “l’ombra” del tetto quando viene irradiata verticalmente dall’alto.

Non fa differenza la quantità di pioggia da scaricare, quanto appuntito o quanto piatto sia progettato il tetto. La quantità di pioggia è sempre la stessa, quindi l’area proiettata è sufficiente per calcolare la base per il drenaggio del tetto. Se il tetto non ha grandi sbalzi si possono assumere anche le dimensioni di base della casa. Per sicurezza, tuttavia, dovresti sempre assumere la lunghezza e la larghezza effettive dell’area proiettata dal tetto. Questo ti protegge da errori di misurazione.

Nel caso di una pianta normale, rettangolare, questa è, come ho detto, la lunghezza moltiplicata per la larghezza dei bordi del tetto. Tuttavia, se si dispone di una planimetria esclusiva con bovindi rotondi, torri, estensioni trapezoidali o altre forme speciali, è necessario adottare le formule di area appropriate.

Per impronte complicate o irregolari, si consiglia di scomporle in facce semplici per il dimensionamento della grondaia. Quindi le singole aree semplici vengono calcolate e successivamente contate di nuovo insieme. Qui abbiamo messo insieme per te una selezione delle formule di area più comuni.

  • Cerchio:  diametro diviso quattro volte pi
  • Triangolo rettangolo:  la lunghezza di un lato che lascia l’angolo retto moltiplicata per la lunghezza dell’altro lato. Dividi il risultato per due.
  • Trapezio:  lato corto più lato lungo. Il risultato moltiplica la distanza tra i due lati. Dividi il risultato in due.

donazione pioggia

Ora che hai calcolato l’area del tetto, hai bisogno della “donazione pioggia”. La resa della pioggia è la pioggia, che è stata misurata in “litri al secondo per ettari”. Questa misurazione viene registrata dalle agenzie ambientali responsabili per un lungo periodo di tempo. Un valore medio annuo porterebbe inevitabilmente a risultati errati: un evento di pioggia battente è quindi sufficiente per sovraccaricare il drenaggio del tetto. Ecco perché le donazioni per la pioggia tendono ad essere sovradimensionate. È meglio essere un po’ più generosi quando si calcolano le dimensioni delle grondaie piuttosto che aspettarsi danni causati dall’umidità ogni temporale moderato.

Il coefficiente di scarica

Nella maggior parte dei casi, il coefficiente di deflusso è irrilevante per il calcolo delle dimensioni della gronda, in quanto si presume sia 1. Questo fattore fornisce un’indicazione di come la pioggia cadente viene assorbita dal sottosuolo. Più un supporto è permeabile e assorbente, minore è il coefficiente di deflusso. I materiali per i tetti sono per la maggior parte completamente idrorepellenti. Indipendentemente dal fatto che per la copertura del tetto vengano utilizzate tegole in terracotta smaltata, tetti in lamiera, tegole in cemento, plastica o altri materiali, nessuno di essi è assorbente. La pioggia defluisce esattamente nella stessa quantità di come era stata precedentemente “raccolta” dal tetto. Solo i tetti di paglia sono un’eccezione. Sono otticamente un vero punto forte, ma molto costosi nell’esecuzione.

Calcolo della dimensione del tubo di scolo e della grondaia

Anche se ogni area del tetto ha la propria grondaia e connessione, l’acqua viene infine raccolta in un unico pluviale condiviso. È molto importante che questo tubo sia adeguato, idealmente anche sovradimensionato. Altrimenti ci sarà un ristagno nel tubo ad ogni pioggia medio-forte. L’acqua poi fuoriesce in alto e scorre lungo il muro della casa, con conseguenze indesiderabili. Tutto è possibile, dalla lisciviazione della pittura e dell’intonaco all’ammorbidimento del tessuto edilizio e alla penetrazione delle spore di muffa.

La formula per il calcolo delle dimensioni di gronda e pluviale è quindi:

Q = superficie del tetto x resa piovosa x coefficiente di deflusso

Ciò si traduce in un “prevedibile deflusso dell’acqua piovana, espresso in litri al secondo. Questo deve essere intercettato dalle grondaie e dal pluviale in modo che lo scarico del tetto possa svolgere il suo lavoro in modo affidabile.

materiali per grondaie

La lamiera di zinco è  stata il materiale standard per le grondaie per molti decenni. Ancora oggi, le lastre di zinco offrono una soluzione duratura con un buon rapporto qualità-prezzo. Fondamentalmente, questo materiale sono solo lamiere, che vengono poi mantenute permanentemente prive di ruggine dalla zincatura a caldo. Possono essere verniciati come desiderato, ma poi richiedono alcune cure.

La variante più nobile è la grondaia in  rame . È significativamente più costoso. Visivamente, fa sicuramente un’impressione piuttosto raffinata. Sfortunatamente, questo non è permanente: il rame, se non è stato ricoperto da una vernice trasparente, si appanna e diventa verdastro o nero.

Oggi,  la plastica  per le grondaie è un’altra opzione ampiamente utilizzata. Sono molto resistenti, estremamente economici e molto facili da montare e lavorare. Tuttavia, a differenza delle varianti in lamiera, non possono essere riciclati, ma finiscono nell’inceneritore al termine della loro vita utile.

Infine, ci sono le grondaie in  alluminio o in acciaio inox . Sono di gran lunga i più costosi da acquistare e sono anche difficili da installare ed espandere. Entrambi i metalli possono essere riparati o valorizzati solo da mani esperte. Il tuo vantaggio è un aspetto estremamente pulito e durevole. L’acciaio inossidabile non arrugginisce. Una volta smontato, può essere rivenduto per un sacco di soldi.

forme di grondaie

Le grondaie sono semicircolari oa forma di scatola. La variante semicircolare ha proprietà di flusso significativamente migliori. Installati correttamente, sono in gran parte autopulenti. Con i canali di flusso a forma di scatola, devi sempre aspettarti che lo sporco si raccolga negli angoli. Naturalmente, dà un’impressione molto individuale, soprattutto se è fatto di un metallo più prezioso della lamiera di zinco. Tuttavia, consigliamo sempre la variante semicircolare.

Dimensioni della grondaia: una selezione tipica

Una volta determinata la quantità di scarico prevista, è possibile utilizzare le tabelle per selezionare la dimensione appropriata della grondaia. I produttori e i rivenditori offrono anche calcolatori sui loro siti Web, con i quali puoi calcolare la dimensione della grondaia necessaria per il tuo edificio con pochi clic del mouse.

Area del tetto proiettataDiametro minimo del pluvialedimensione della grondaia corrispondentedesignazioni di dimensioni alternative
fino a 37 mq60 mmanni 20010 pezzi/RG80
fino a 83 mq80 mm250 o 2858 pezzi / RG 100 o 7 pezzi / RG125
fino a 150 mq100 mm333er6 parti / RG 150
fino a 243 mq120 mm4005 parti / RG 200

Esempio di calcolo:

Una casa è lunga 15 metri e larga 10 metri. Il tetto sporge di 0,5 metri. Ciò si traduce in una superficie del tetto progettata di 15,5 x 10,5 metri e 162,5 m². In caso di precipitazioni valgono i valori medi locali. In ogni caso, il downpipe dovrebbe avere un diametro superiore a 100 millimetri.  Come dimensione della grondaia deve essere selezionato un valore compreso tra  333 o RG 150 e 400 o RG 200 . In questo caso, però, consigliamo la variante 400 RG 200. Ciò garantisce una sicurezza sufficiente.

Accessori per grondaie

L’acqua catturata dalle grondaie viene scaricata nella rete fognaria. In realtà, è molto sfortunato. Anche se non è consigliabile bere acqua piovana, ci sono comunque alcune cose che puoi fare con essa.

L’acqua piovana è molto morbida, il che significa che è povera di calcare. È quindi adatto per il funzionamento di lavatrici e lavastoviglie. Non provoca depositi. Tuttavia, per poterlo utilizzare a tale scopo, è necessaria un’installazione aggiuntiva molto costosa e complessa. È più facile raccogliere l’acqua piovana per tirare lo sciacquone. Anche in questo caso, è necessario installare un serbatoio in soffitta. Questo è piuttosto pesante e deve essere fissato staticamente.

Il modo più semplice per utilizzare l’acqua piovana è dotare il pluviale di un deflettore deviatore. Ciò consente di raccogliere l’acqua piovana da utilizzare in seguito per pulire o annaffiare le piante da giardino. Un tale lembo costa solo circa 15 euro.

Un problema con le grondaie è il loro inquinamento. Ciò può comportare un notevole lavoro, soprattutto in prossimità di alberi a foglie caduche. Il commercio offre griglie protettive e sfere protettive per pluviali per questo scopo. Impediscono alle particelle di sporco grossolano come foglie o rami di cadere nella grondaia. Tuttavia, questi residui organici devono essere rimossi regolarmente, altrimenti c’è il rischio di cattivi odori in casa. E nessuno lo vuole.

La pulizia delle grondaie è uno dei lavori più pericolosi della casa. Tuttavia, ora ci sono alcuni trucchi e strumenti che non solo disinnescano questo punto pericoloso, ma rendono anche il lavoro molto più veloce. Vari produttori di aspirapolvere offrono dispositivi o accessori speciali per aspirapolvere industriali, con i quali i canali possono essere aspirati liberi dal pavimento. Altre soluzioni sono i nastri trasportatori che vengono inseriti nei canali. Se il canale è pieno di sporco, il nastro viene semplicemente rimosso da un lato e la spazzatura viene rimossa.