Isolamento Delle Pareti Interne In Vecchi Edifici: Istruzioni E Costi

Isolamento Delle Pareti Interne In Vecchi Edifici: Istruzioni E Costi

Il solito isolamento delle facciate non è fattibile per tutti i vecchi edifici. In singoli casi, l’isolamento delle pareti interne può essere l’unica soluzione possibile per isolare un edificio dalle dispersioni di calore. Questo articolo rivela in dettaglio come viene realizzato l’isolamento delle pareti interne e a cosa prestare attenzione.

L’isolamento della parete interna è generalmente l’opzione peggiore, ma inevitabile in singoli casi. Ciò vale soprattutto per gli edifici storici e gli edifici sotto tutela dei monumenti, dove la facciata deve o deve essere conservata nelle sue condizioni originarie. Gli svantaggi fisici ei rischi dell’isolamento delle pareti interne possono essere ridotti al minimo fino a un certo punto, ma non possono mai essere completamente esclusi. Una volta che ne sei consapevole, puoi metterti al lavoro.

Cosa dovresti sapere in anticipo

problemi strutturali

… per l’isolamento delle pareti interne

Il problema più grande è chiaramente il gradiente di temperatura tra la parete esterna e l’isolamento interno. A basse temperature, la parete esterna si raffredda fino alla temperatura esterna, l’isolamento interno impedisce che la superficie interna della parete esterna (che è coperta dall’isolamento) venga riscaldata dal riscaldamento dell’ambiente. Se il punto di rugiada non viene raggiunto qui, si formerà della condensa che può danneggiare in modo permanente la parete esterna e portare anche alla formazione di muffe tra la parete e l’isolante o addirittura alla formazione di muffe sul materiale isolante. Ciò accade tanto più quanto maggiore è l’umidità relativa in entrambe le aree (soprattutto nei vecchi edifici con problemi di umidità già esistenti).

gradiente di temperatura

Azioni correttive

… durante la progettazione dell’isolamento

In sostanza si possono considerare i seguenti punti:

  • attenta installazione di barriere al vapore
  • Utilizzo di materiali da costruzione fortemente alcalini (valore pH elevato, ad es. con pannelli di silicato di calcio) per evitare la formazione di muffe
  • Utilizzo di materiali da costruzione con la massima capacità di accumulo d’acqua possibile (anche sempre pannelli di silicato di calcio)
  • selezione sensata dell’effetto di isolamento possibile e realizzabile (in molti casi i valori EnEV non possono essere realisticamente raggiunti, devi conviverci)
  • Indagine approfondita per possibili ponti termici (collegamenti parete e soffitto, cavità, ecc.) e pianificazione del rimedio sin dall’inizio
  • Valutazione e progettazione della costruzione del muro da parte di un esperto edile

Oltre alla progettazione della struttura muraria, vanno esaminate anche le finestre esistenti (pericolo dei ponti termici, problemi di collegamento delle barriere al vapore).
Inoltre, con opportuni accorgimenti (protezione delle facciate, allargamento dello sbalzo del tetto, ecc.) va evitato il più possibile il carico di umidità cui sono esposte le pareti esterne dall’esterno (pioggia battente).

Nel caso di una ristrutturazione completa, vale anche la pena pensare al rapporto tra la potenza termica, la tecnologia di riscaldamento utilizzata e l’isolamento termico. I riscaldatori a infrarossi possono, ad esempio, riscaldare in modo efficace e permanente le temperature superficiali delle pareti esterne e creare così un punto di partenza completamente diverso per l’isolamento delle pareti interne.

Caso speciale casa a graticcio

Le case a graticcio, in particolare quelle con strutture a graticcio visibili dall’esterno, sono una caratteristica speciale. Da un lato qui si incontrano due diversi materiali – ovvero il legno della casa a graticcio e il materiale per il riempimento – e le case a graticcio di costruzione tradizionale sono anche originali nel loro “mix di materiali” e nella tecnologia costruttiva utilizzata con grande intelligenza disposte. L’umidità può essere rimossa continuamente (anche dall’interno), il legno può asciugarsi a sufficienza senza marcire.

L’uso di un isolamento delle pareti interne a tenuta di vapore è la morte per ogni casa a graticcio! Le condizioni fisiche dell’edificio, originariamente realizzate con cura, vengono così scavalcate e non più efficaci. Ciò significa che i danni causati dall’umidità sono inevitabili in brevissimo tempo, specialmente con l’isolamento interno in cui il valore sd (resistenza alla diffusione del vapore acqueo) è superiore a 2 m.

Se si desidera comunque isolare l’interno di una casa a graticcio, è necessario utilizzare sempre materiali e tecniche adeguate (es. argilla chiara e canne, o in determinate condizioni anche pannelli di fibra). Tuttavia, poiché ciò dipende sempre dalle rispettive circostanze, non possiamo entrare nella situazione speciale e nelle differenze nelle strutture in legno in questo contesto. Tutte le istruzioni e le informazioni seguenti non si applicano agli edifici storici a graticcio!

materiali e preparazione

È possibile utilizzare pannelli di silicato di calcio completamente incollati per un isolamento delle pareti interne altamente efficace e strutturalmente relativamente sicuro nei vecchi edifici. Le particolari proprietà dei  pannelli in silicato di calcio  li rendono particolarmente adatti a questo scopo. Non è necessaria una barriera al vapore.

L’incollaggio completo è quindi necessario per evitare in ogni caso la ventilazione posteriore (uno spazio d’aria tra il pannello isolante e la parete). In caso contrario, potrebbe formarsi un ponte termico e l’umidità di condensazione potrebbe persistere, causando danni a lungo termine.

Quello di cui hai bisogno:

  • Lastre di silicato di calcio dello spessore desiderato
  • Colla
  • Lime lisciante per farcitura
  • Terreno profondo per l’adescamento
  • Sega per il taglio
  • spatola dentata
  • spatola
  • Materiale per isolamento aggiuntivo in caso di ponti termici (tipicamente cunei isolanti)
  • nessuna barriera al vapore!

Suggerimento: è assolutamente consigliabile pianificare l’isolamento insieme a un esperto edile, calcolare i punti di rugiada e identificare le aree potenzialmente problematiche che necessitano di un isolamento aggiuntivo.

Istruzioni: Isolamento delle pareti interne con pannelli di silicato di calcio

1. Eseguire la pianificazione
Determinare il valore di isolamento desiderato ed eseguire i calcoli. Determinare l’area della parete da isolare. Indennità sufficiente per i rifiuti. Il numero determinato di metri quadrati è la base per l’acquisto del materiale (tavole, adesivo, calce lisciante, terreno profondo).

2. Identificare le aree problematiche Trova
ponti termici, cavità, dossi e altre aree problematiche. Determinare misure di isolamento aggiuntive adeguate e procurarsi materiale idoneo.

3. Preparazione
del supporto La superficie della parete su cui applicare l’isolamento deve essere pulita, asciutta, priva di grasso e livellata. Potrebbero essere applicati requisiti aggiuntivi per la forza adesiva dell’adesivo (osservare le istruzioni del produttore sulla confezione!)

4. Iniziare
l’isolamento Applicare l’adesivo su tutta la superficie con una spatola dentata e premere bene le tavole. Assicurarsi che i giunti tra i pannelli siano il più stretti possibile. Sega le tavole a misura, se necessario. Lascia asciugare la colla secondo le istruzioni del produttore.

5. Ulteriori misure di isolamento
Eseguire le misure di isolamento aggiuntive richieste (utilizzare cunei isolanti, isolare le cavità, ecc.) nelle aree problematiche.

6.
Riempimento delle fughe Riempire le fughe in modo ordinato con la calce lisciante. Non devono esserci crepe o aree non riempite. Se necessario, macinare brevemente.

7. Applicare Tiefgrund
Secondo le istruzioni sulla confezione, applicare Tiefgrund generosamente più volte. I pannelli di silicato di calcio sono sempre da considerarsi un “sottofondo altamente assorbente”.

8. Rifinire l’
intonaco murale con un idoneo intonaco minerale o scegliere un altro trattamento murale. Tutti i rivestimenti delle pareti devono essere aperti alla diffusione. Per la carta da parati, è adatta solo carta da parati in carta sottile.

prezzi e costi

Puoi anche utilizzare “pacchetti” di isolamento delle pareti interne già pronti per posare tu stesso l’isolamento. Alcuni negozi di ferramenta offrono tutto il materiale di cui hai bisogno a un prezzo totale al metro quadrato (nota: tieni conto anche degli sprechi!). I prezzi per questo in genere partono da circa 80 euro al metro quadrato.

Altrimenti, devi calcolare tra circa 40 e 60 EUR al m² per pannelli isolanti di 5 cm di spessore in silicato di calcio, più l’adesivo necessario, la calce liscia e un primer per la parete (primer profondo). I costi di questi materiali dipendono dal consumo e possono quindi variare notevolmente nei singoli casi.
I prezzi per i servizi dell’artigiano dipendono, tra l’altro, dall’impegno della proprietà, partono da circa 40 – 50 euro al m² (netto). In singoli casi, tuttavia, sono possibili anche prezzi notevolmente più elevati. È meglio ottenere diverse offerte e confrontarle accuratamente.

Puoi sempre controllare il nostro sito Web per ulteriori contenuti: blog

Suggerimenti per i lettori veloci

  • Isolamento delle pareti interne solo quando strettamente necessario
  • pianificare con attenzione (ponti termici, finestre, progettazione completa per un’ampia ristrutturazione)
  • Consigliata perizia edile
  • I pannelli in silicato di calcio completamente incollati sono ideali per l’uso in vecchi edifici (confermato da molti studi)
  • Il prezzo completo è di circa 80 EUR al m²
  • L’isolamento delle pareti interne nelle case storiche a graticcio deve essere sempre pianificato separatamente!