Manicotti In Cemento Per Ombrelloni | Istruzioni Fai Da Te

Manicotti In Cemento Per Ombrelloni | Istruzioni Fai Da Te

Per molte persone, usare il proprio terrazzo fa semplicemente parte dell’uso del giardino dalla primavera all’autunno. Ma mentre il sole è generalmente il benvenuto, troppo può rovinare rapidamente la gioia di stare fuori. Gli ombrelloni forniscono un rimedio. Questi trovano una presa sicura nelle prese di terra. Puoi scoprire come impostare correttamente questi ancoraggi a terra nel cemento nelle nostre istruzioni dettagliate.

È possibile controllare più contenuti nella nostra categoria ”allaperto“

Passo dopo passo verso l’ancoraggio a terra in cemento

Proprio come non esiste un ombrellone, ovviamente non esiste un metodo universale per fissare il supporto per ombrellone nel cemento. Sebbene le dimensioni dello schermo influenzino principalmente le dimensioni della fondazione richieste, il design del supporto dello schermo ha una grande influenza sull’aspetto della connessione tra la fondazione e lo schermo.

1. La restrizione verticale

È noto il modo comune di incastrare l’asta dell’ombrellone in un manicotto preparato. Da un punto di vista statico, la forza viene qui trasmessa da ciò che è noto come serraggio, cioè essenzialmente per tutta la lunghezza dell’asta dell’ombrello situata nel manicotto. Mentre gli ancoraggi a terra temporanei possono essere martellati o avvitati, un manicotto tubolare viene inserito direttamente nella fondazione per ancoraggi a terra permanenti. Lo schermo può quindi essere regolato direttamente in questo.

2. La connessione puntiforme tramite viti

Se invece l’ombrellone non è “incastrato” nel terreno, viene invece cementata nella fondazione una solida piastra di ancoraggio, simile alla base di un palo. La base dell’ombrellone viene quindi costruita su questa piastra mediante viti. Questo metodo viene utilizzato principalmente per le costruzioni ad ombrellone di grande formato come gli ombrelloni a semaforo che si estendono su terrazze. A seconda delle dimensioni e della costruzione, vengono utilizzati come base calcoli statici relativi alla tipologia da parte del produttore, che forniscono informazioni molto precise sulle dimensioni della fondazione e sull’eventuale rinforzo necessario. Inoltre, di solito vengono offerti ancoraggi a terra individuali su misura per il tipo specifico di ombrellone, indipendentemente da quale delle due varianti viene ora utilizzata, l’implementazione passo-passo della costruzione della fondazione, compresi gli strumenti e i materiali necessari, è in gran parte il stesso:

Lo strumento

  • Vanga o piccone
  • pala
  • Telo in tessuto antistrappo
  • carriola
  • Cazzuola o pala da giardino
  • Secchio o tinozza in cemento
  • Livello di spirito
  • Legname quadrato, lunghezza ca. Da 1 a 2 metri (a seconda delle dimensioni della fondazione)
  • Bastone di legno con lo stesso diametro del manico di un ombrellone, ad esempio un manico di scopa
  • Ritagli di legno da mettere sotto
  • Martello, pinze, chiodi
  • Trapano con trapano in metallo, ca. 5 millimetri

Il materiale

  • Manicotto a terra o supporto per palo per abbinare l’ombrellone esistente o pianificato
  • Ghiaia o spaccata come merce insaccata
  • Calcestruzzo, ad es. calcestruzzo secco preconfezionato per miscelazione diretta con acqua, come merce in sacchi, assicurarsi che sia adatto anche per l’uso esterno!
  • eventualmente: acciaio strutturale secondo le specifiche del produttore del sistema ombrellone

Determinare la dimensione della fondazione

Prima della prima cerimonia inaugurale, dovresti considerare quanto deve essere grande la tua fondazione. Questo è l’unico modo in cui puoi preparare e procurarti il ​​lavoro e i materiali necessari di conseguenza.

1. Ombrelloni “commerciali”:

Per il classico ombrellone dal ferramenta o dal discount, i produttori di solito non specificano alcuna dimensione di fondazione. Anche la presa di terra corrispondente è inclusa raramente. Invece, usi prodotti standardizzati adatti a un gran numero di ombrelli.

  • Copertura in cemento attorno al manicotto di almeno 10-15 centimetri
  • Di solito è sufficiente una larghezza della fondazione di 40 x 40 cm
  • La profondità dipende dalla presa a terra, altezza della presa a terra + 10 cm

2. Ombrelloni di grandi dimensioni:

Se invece si utilizzano ombrelloni con grandi luci e quindi grandi forze, si devono osservare le indicazioni del produttore sulle dimensioni delle fondazioni. In caso di terrazzamenti i sistemi possono facilmente avere dimensioni di 1,00 x 1,00 m in modo da creare una massa sufficientemente grande e una spalla adeguata allo schermo.

  • Larghezza: come specificato dal produttore
  • Profondità: di solito almeno 0,80 m per una fondazione senza gelo

Nota: la cura e la manutenzione sono spesso più facili con gli ombrelloni di grande formato, poiché sono stati progettati per durare nel tempo e prevedono lo smontaggio.

SUGGERIMENTO: A  rigor di termini, anche con ombrelloni piccoli  , si dovrebbe realizzare un fondotinta al riparo dal gelo,  cioè un fondotinta ad una profondità di circa 80 centimetri. Il problema con un pavimento che gela in inverno, però, è soprattutto l’irregolarità con cui ciò avviene. Le fondamenta piatte possono essere sollevate in modo non uniforme in caso di dubbio e poi affondare di nuovo in seguito. Di conseguenza, l’ombrello sarà inclinato in futuro. Nel caso di fondazioni di piccole dimensioni, questo rischio è trascurabile, per cui si può puntare a una profondità notevolmente inferiore.

Fase 1 – Lo scavo

Prima di tutto, ovviamente, si tratta di realizzare un foro adatto per la fondazione, in cui successivamente può essere versato il calcestruzzo.

  • Traccia le fondamenta in modo uniforme in tutte le direzioni dalla posizione dell’ombrello pianificata
  • Tagliare il prato e conservarlo sul lato in zolla
  • Allentare il terreno con un piccone o una vanga e riporlo su un telone di tessuto per un successivo smaltimento

Fase 2 – i preparativi

Prima che il calcestruzzo venga effettivamente versato, alcune cose devono ancora essere preparate. Per inciso, la cassaforma per la fondazione non è una di queste. Il calcestruzzo viene gettato direttamente contro il terreno, in modo che un buon incastro tra terreno e fondazione aumenti la possibile trasmissione di potenza.

  • Coprire la base della fondazione con spacco o ghiaia da 10 cm e livellare la superficie
  • Fornire al manicotto di terra (se non disponibile) nel punto più basso un foro per il drenaggio dell’acqua piovana

NOTA: Poiché  l’ombrellone e la presa di terra sono all’aperto, l’acqua può entrare nella presa di terra   quando piove. La manica è dotata di un foro in modo che possa fuoriuscire da lì. L’imballaggio di ghiaia sotto la fondazione consente all’acqua di drenare e filtrare. Se non è previsto il drenaggio dell’acqua, a lungo andare possono formarsi ruggine o un biotopo indesiderato di batteri, covata di insetti e altro.

Passaggio 3 (opzionale) – acciaio strutturale

Se l’acciaio strutturale deve essere integrato nella fondazione, questo viene fatto ora, cioè prima che il portaombrelli sia allineato.

  • Inserire l’acciaio nel foro di fondazione secondo le istruzioni del produttore
  • Assicurarsi che ci sia una distanza sufficiente dal suolo su tutti i lati (almeno da 3 a 5 centimetri)
  • Posiziona piccole pietre o pezzi di legno sotto come distanziatori
  • Battere nel terreno almeno due tondini verticali in acciaio lungo la griglia o la gabbia in acciaio e fissarvi l’armatura con del filo (protezione al galleggiamento con calcestruzzo)

Passaggio 4 – Allineamento della base del palo o della presa di terra

Come ultimo passaggio prima del getto del calcestruzzo, viene inserito e allineato il nucleo, ovvero l’ancoraggio a terra.

Con presa di terra:

  • Inserisci il bastoncino di legno nella manica in sostituzione di un ombrello
  • Posizionare la manica sul letto di ghiaia e, se necessario, regolare l’altezza rimuovendo o aggiungendo ghiaia – il bordo superiore della manica è uguale al bordo superiore del prato
  • Posiziona il legname quadrato accanto alla “sostituzione dell’ombrello” sopra il foro
  • Allineare la barra verticalmente su tutti i lati con una livella a bolla e fissarla al legno squadrato

Con piastra di ancoraggio da avvitare:

  • Fissare la piastra di ancoraggio con i chiodi attraverso i fori delle viti dal basso sul legno squadrato
  • Posizionare legname squadrato con piastra di ancoraggio sopra il foro di fondazione e posizionarlo al centro
  • Regolare l’altezza utilizzando supporti in legno e allineare orizzontalmente su tutti i lati utilizzando una livella

SUGGERIMENTO:  più lungo è il legno, cioè manico di scopa e legno squadrato, più precisamente la piastra di ancoraggio e il manicotto di terra possono essere allineati. Mentre una deviazione di 5 millimetri è facilmente trascurata a 50 centimetri, ha un effetto di 2 centimetri su una lunghezza di 2,00 metri ed è molto più facile da vedere!

Fase 5 – cementare

Ora è giunto il momento, si creano le fondamenta e si getta letteralmente nel cemento la futura posizione dell’ombrellone.

  • Miscelare il calcestruzzo secondo le indicazioni del produttore, prestando particolare attenzione alla giusta consistenza
  • Versare il calcestruzzo strato per strato nel foro di fondazione e “scuoterlo” ripetutamente con un bastoncino
  • Riempi il cemento fino a 5 centimetri sotto il livello del prato e leviga la superficie
  • Coprire il calcestruzzo con pellicola o cartone e proteggerlo dall’eccessiva essiccazione del sole e della pioggia
  • Dopo alcune ore, versare acqua su aree di fondazione di grande formato

NOTA:  Lo  scopo della vibrazione  del calcestruzzo è di portare bolle d’aria in superficie. Se si rimane nel cemento si creano dei vuoti che possono ridurre la resistenza in casi estremi. Per inciso, non devi colpire il cemento con forza, è sufficiente un movimento moderato con un bastone su e giù nel cemento.

Ora è fatto. Di solito è possibile rimuovere la struttura in legno sopra l’ancoraggio al massimo dopo un giorno. Tuttavia, a seconda del calcestruzzo utilizzato, possono essere necessari dai due ai 14 giorni circa per ottenere una resistenza sufficiente per sopportare in sicurezza anche carichi di grandi dimensioni. Infine, puoi coprire le fondamenta con terriccio da giardino e seminare nuovi prati, oppure puoi sostituire la zolla che hai rimosso in precedenza. Questo rende le tue fondamenta quasi invisibili e si fonde armoniosamente con il giardino. Non appena il sole prende forza, ora puoi semplicemente posizionare il tuo ombrellone nella presa a terra o avvitare strutture più grandi sulla piastra di ancoraggio.