Rivestire Il Balcone Da Soli – Come Posare Le Piastrelle Del Balcone

Rivestire Il Balcone Da Soli – Come Posare Le Piastrelle Del Balcone

Un balcone invita al relax, offre più spazio anche nei piccoli appartamenti e può essere utilizzato anche come giardino. Le piastrelle del balcone proteggono il balcone dal vento e dalle intemperie e possono essere utilizzate anche in modo decorativo. Indipendentemente dal fatto che tu voglia rinnovare il balcone con nuove piastrelle o dargli un design completamente nuovo, il processo è sempre lo stesso.

Vuoi piastrellare il tuo balcone per rinfrescare il vecchio look? La ristrutturazione delle precedenti piastrelle del balcone può essere eseguita facilmente da solo e non richiede nemmeno molto tempo. Certo, il tempo necessario dipende dalle dimensioni del balcone, ma in generale non è un problema dare al balcone un nuovo fascino da solo e con i materiali necessari. Puoi persino piastrellare numerosi motivi decorativi, da elementi classici a un mosaico mediterraneo che sembra attraente. In ogni caso, se sono presenti macchie di efflorescenze, muschio o muffa che potrebbero mettere in pericolo la struttura dell’edificio, è opportuno eseguire una nuova piastrellatura.

Puoi sempre controllare il nostro sito Web per ulteriori contenuti: blog

strumenti e materiali

Quando arriva il momento di pulire, avrai bisogno di una varietà di materiali e strumenti per svolgere il lavoro in modo efficace. Importanti sono:

  • idropulitrice ad alta pressione
  • annaffiatoio
  • rettificatrice
  • spatola
  • Rullo per dipingere
  • Quast
  • mortaio
  • Resina sigillante per crepe
  • massetto
  • cappotto sigillante
  • strisce isolanti
  • Profilo terminale nel profilo del balcone
  • Tappetini di disaccoppiamento, anche tappetini drenanti o tappetini per la protezione degli edifici
  • nastro sigillante
  • colla per piastrelle
  • croci di piastrelle
  • piastrelle del balcone
  • silicone
  • Martello
  • scalpello

Quando si selezionano singoli materiali come il nastro sigillante, assicurarsi che questo sia sufficiente per il processo. Ciò è particolarmente importante per balconi molto grandi per consentire la necessaria resistenza agli agenti atmosferici. Naturalmente, le piastrelle del balcone sono particolarmente importanti in termini di materiali. Qui puoi scegliere tra diverse varianti, particolarmente adatte per l’uso esterno:

1. Piastrelle classiche:  questa tipologia di piastrella è la nota variante che viene posata in modo tradizionale ed è appositamente studiata per l’uso esterno. Non differiscono in termini di piastrellatura rispetto alle piastrelle del bagno o della cucina e possono essere tagliate allo stesso modo. Sono principalmente realizzati con tipi di legno resistenti agli agenti atmosferici come abete Douglas o Bangkirai, cemento, ceramica o pietra naturale e vengono utilizzati anche per terrazze. Il costo delle piastrelle varia notevolmente e dipende dal produttore, dalle dimensioni, dalla qualità e dal design. I costi tipici sono da 5 euro a 130 euro al m².

2. Piastrelle a clic:  rispetto alle piastrelle tradizionali, le piastrelle a clic sono un tipo di piastrella particolarmente facile da posare e non richiedono croci o giunzioni. Sono realizzati in legno o WPC (Wood-Plastic-Composite) e sono dotati di un sistema a scatto che mantiene le piastrelle in posizione. Sono realizzati principalmente per le persone che desiderano un sistema semplice e fanno a meno di design speciali perché l’aspetto delle tessere a scatto è sempre simile. Solo il colore e la larghezza di ogni “barra” cambia da modello a modello. Le tessere Click costano tra 30 EUR e 70 EUR al m².

3. Piastrelle antiscivolo:  le piastrelle antiscivolo sono piastrelle convenzionali, solitamente realizzate in legno robusto con scanalature sulla superficie. Queste scanalature consentono all’acqua di defluire più rapidamente e forniscono anche un profilo che riduce il rischio di scivolamento. Forniscono un aspetto estremamente naturale e sono ideali per l’uso esterno. I costi sono compresi tra 40 euro e 50 euro al m².

Vedi, il costo della piastrellatura del balcone dipende dalle piastrelle che scegli. Se si opta per piastrelle di ceramica economiche, che vengono offerte a 20 euro al m², e il tuo balcone è di 10 m², avrai bisogno di 200 euro per le piastrelle. A seconda delle dimensioni del tuo balcone, potrebbe valere la pena ordinare da un rivenditore specializzato invece di acquistare le piastrelle da un negozio di ferramenta. Ci sono spesso sconti su grandi ordini. Circa 15 euro al m² sono sostenuti per il disaccoppiamento delle stuoie.

Consiglio: se hai bisogno di una rettificatrice, non devi comprarla, puoi noleggiarla. Paghi circa 40 euro al giorno nei negozi di bricolage e in numerose aziende, il che è perfetto per questo progetto.

preparazione

La preparazione è necessaria per piastrellare il balcone. Si assicura che il precedente rivestimento del pavimento venga rimosso e che il cemento sia disponibile per la piastrellatura. Per prima cosa dovresti smontare la ringhiera, altrimenti questo impedirà l’applicazione dell’impermeabilizzazione. Con i seguenti punti ti prepari per le piastrelle del balcone:

Passaggio 1:  inizia rimuovendo le vecchie piastrelle e tutti i detriti sotto le piastrelle. Se non hai ancora posato le piastrelle, non devi fare altro che rimuovere il precedente rivestimento del pavimento. Per fare ciò, utilizzare un martello e uno scalpello e utilizzarli per rimuovere il rivestimento inferiore, che consiste in adesivo per piastrelle, vernice sigillante e adesivo per piastrelle. Questa operazione potrebbe richiedere un po’ di tempo, ma è necessaria per poter applicare le nuove tessere. È meglio smaltire i rifiuti in un contenitore e portarli in discarica o in un servizio analogo.

Passaggio 2:  ora prendi l’idropulitrice e usala per pulire il cemento che funge da base per le piastrelle. Devi essere accurato qui per rimuovere eventuali dossi in modo che alla fine sia visibile solo il cemento.

3a fase:  Quindi eseguire il test di assorbimento:

  • riempire d’acqua un annaffiatoio
  • prendi un orologio e versa dell’acqua sul cemento
  • Se l’acqua non si impregna nel calcestruzzo dopo tre minuti, deve essere carteggiato

Passaggio 4:  macinare a fondo il calcestruzzo con la smerigliatrice. Quindi sigillare tutte le tacche, i fori e le crepe con malta. Utilizzare la spatola lisciante per ottenere un risultato particolarmente uniforme.

Passaggio 5:  ora arriva un punto importante. Misura se il tuo balcone ha ancora una pendenza dall’1% al 2%. Questo è importante affinché l’acqua possa defluire e non si accumuli nel materiale da costruzione. Se il balcone non ha una pendenza, mescolare il massetto e posizionare una striscia isolante sul muro. Ora distribuire il massetto in modo che vi sia una pendenza non superiore al 2 percento e sia più piatto sul lato in cui l’acqua dovrebbe defluire. Se c’è un drenaggio, la pendenza dovrebbe andare in quella direzione. Quindi lasciare asciugare il massetto. Se compaiono crepe nel massetto, utilizzare la resina sigillante per crepe.

6a fase:  Dopo che il massetto si è asciugato, viene applicato il rivestimento sigillante. Applicare ora il sigillante in più strati su tutta la superficie. Usa il rullo di vernice o un pennello per farlo. I singoli strati devono prima asciugarsi prima di poter applicare il successivo. Fare riferimento alle istruzioni del produttore per i tempi di asciugatura.

La preparazione richiede molto tempo, ma dopo la sigillatura è finalmente arrivato il momento di piastrellare il balcone. Assicurati assolutamente che tutti gli strati siano davvero asciutti e controllalo frequentemente.

Balcone piastrellato: istruzioni

Se stai piastrellando il balcone, dovresti prima trovare un giorno in cui non piove e la temperatura sia di almeno 10°C. L’inverno cade piatto, perché altrimenti l’adesivo per piastrelle si congela troppo rapidamente. Se c’è il rischio di pioggia, è una buona idea appendere un telone sopra il balcone in modo che tutti gli elementi umidi possano asciugarsi. Le piastrelle del balcone vengono lavorate nel modo seguente:

1° passo:  All’inizio il balcone è disaccoppiato. Per questo sono necessari i tappetini di disaccoppiamento. Per prima cosa stendete il tappetino senza colla in modo da poterlo tagliare a misura. L’adesivo per piastrelle viene quindi applicato in modo sottile sul massetto e il disaccoppiamento viene incollato in posizione. Fissare i profili di finitura ai bordi. Ciò fornisce la protezione necessaria contro i ristagni d’acqua. Eventuali giunti e bordi sono inoltre provvisti di nastro sigillante.

2a fase:  ora l’adesivo per piastrelle viene applicato nuovamente sul disaccoppiamento e le piastrelle del balcone vengono posate secondo il motivo selezionato. Applicare la colla sul retro della piastrella da posare, iniziando dalla piastrella più vicina alla porta del balcone. Ruota leggermente le piastrelle del balcone quando le metti nell’adesivo in modo che il supporto aderisca correttamente.

Passaggio 3:  Procedere in questo modo fino a quando non è stato posato il motivo selezionato. Assicurati di utilizzare croci di piastrelle. Questi sono posizionati in corrispondenza dei giunti angolari in modo che la distanza tra le piastrelle non cambi durante l’asciugatura. Questo è l’unico modo per realizzare giunti dritti che non siano in tensione.

4° passaggio:  picchiettare quindi le piastrelle con il martello di gomma in modo che non si muovano più.

5° passaggio:  se hai deciso le tessere clic, ti risparmierai un sacco di lavoro. Funzionano anche senza colla e devono essere posizionati solo nel sottosuolo come sistema plug-in. I gommini vengono tagliati dalle piastrelle che sono a diretto contatto con il muro. Questo crea un sigillo al muro. Posa le piastrelle del balcone e assicurati che siano ben strette.

Passaggio 6:  l’adesivo per piastrelle impiega circa due giorni per asciugarsi, molto più a lungo con tempo umido. Dopo che si asciuga, inizia a riempire di silicone le giunture perimetrali e angolari. Gli altri giunti, invece, sono riempiti con malta per giunti. Lascia che si asciughino.

7° passaggio:  ora hai finito di piastrellare il balcone e dovresti finalmente rimontare la ringhiera. Successivamente puoi rilassarti sul tuo balcone piastrellato di recente.

Consiglio: quando applichi l’adesivo, assicurati di coprire solo un metro quadrato alla volta in modo che non si asciughi troppo velocemente. Quindi puoi prenderti il ​​tuo tempo e non essere sotto pressione, e il risultato è più accurato.