Struttura Di Un Muro Di Borchie Di Legno | Costruisci Tu Stesso Un Supporto In Legno

Struttura Di Un Muro Di Borchie Di Legno | Costruisci Tu Stesso Un Supporto In Legno

Le borchie in legno sono un modo rapido ed economico per erigere edifici e pareti divisorie semplici. Anche la costruzione di un supporto in legno è molto semplice. Dopo un progetto di successo, praticamente tutti sono professionisti in quest’arte. In questo testo puoi leggere tutto ciò che devi sapere sulla costruzione di un muro a montanti in legno.

Puoi sempre controllare il nostro sito Web per ulteriori contenuti: blog

Struttura in legno o cartongesso?

La differenza tra un telaio a montanti e un muro a secco è il materiale interno. Nel caso del muro a secco, oggi vengono solitamente utilizzati profili a U realizzati in lamiera sottile e piegata. Sono di qualità assolutamente costante e non cambiano durante la durata della loro installazione. Il legno, invece, è un materiale da costruzione naturale e vivo. Respira e si muove, a seconda dell’umidità e della temperatura dell’ambiente. Tuttavia, per la sua naturalezza, la struttura in legno è il materiale più piacevole in termini di biologia edilizia. Può anche essere utilizzato in vari modi. Il muro a secco viene utilizzato al solo scopo di costruire partizioni interne. Ma con una struttura in legno, puoi facilmente costruire un gazebo, un posto auto coperto o un padiglione. Questo non è possibile con piastre a U e cartongesso.

La regola d’oro per borchie e graticci

Quando si costruiscono telai a traliccio di ogni tipo, è necessario osservare sempre la “regola d’oro della falegnameria”. Questo dice: “Triangolo sta – rettangolo passa”. Ciò significa: Ovunque venga eretto un telaio rettangolare o quadrato, devono essere installati controventi diagonali. Se il telaio è rivestito su tutta la superficie, la pannellatura fornisce la necessaria stabilità lungo l’asse longitudinale. Tuttavia, non appena vengono eretti campi aperti, boccaporti, finestre o semplicemente piedi di supporto più la costruzione del tetto come struttura in legno, è necessario un rinforzo diagonale. In caso contrario la costruzione cadrà inevitabilmente in brevissimo tempo.

Cos’è un telaio in legno?

Una struttura in legno è praticamente qualsiasi costruzione composta da una struttura in legno più tavolato o struttura. Una casa di tronchi fatta di tronchi d’albero accatastati l’uno sull’altro non è quindi una struttura in legno. Tuttavia, non appena viene eretta una struttura composta da legno di supporto e telaio, si parla di telaio a montanti. I seguenti possono essere considerati come telai perno:

  • garage
  • Carport
  • gazebo
  • padiglioni
  • partizioni
  • contatori
  • Asilo

Non ci sono praticamente limiti alla creatività quando si costruisce con strutture in legno. Il vantaggio di questo design è che può essere modificato quanto vuoi. Se una finestra deve essere spostata in una posizione diversa, ciò è generalmente possibile senza problemi. Inoltre, sono molto economici e, con la dovuta cura, anche molto resistenti.

Costruisci tu stesso una struttura in legno: ecco come funziona

La prima domanda da porsi quando si costruisce una struttura in legno è: è una costruzione aperta o chiusa? Le costruzioni aperte sono, ad esempio, padiglioni o carport. Una costruzione chiusa è un muro di borchie di legno o un intero edificio fatto di borchie di legno. Una costruzione aperta deve essere sostenuta da puntoni diagonali secondo la “regola d’oro”. A seconda del tipo di rivestimento, puoi fare a meno del rinforzo diagonale in una parete con montanti in legno chiusa.

Tuttavia, dovresti dare un’occhiata da vicino qui: una cassaforma composta da pannelli maschio e femmina fissati con chiodi deboli non è affatto forte come un pannello continuo in cartongesso. Richiede una certa esperienza e un senso delle proporzioni se e quanti montanti diagonali sono installati per essere al sicuro. Tuttavia, con una parete interna infilata tra due pareti portanti, non si corre comunque il rischio di ribaltamento lungo l’asse longitudinale.

Per costruire da soli la struttura in legno è necessario:

  • Travi in ​​legno di almeno 10 x 10 cm
  • Viti per legno lunghe almeno 15 cm
  • cassaforma adeguata (maschio e femmina; cartongesso)
  • Zollstock
  • livello
  • Trapano potente
  • avvitatore a batteria
  • Martello e chiodi
  • se necessario tasselli in cemento e tasselli in cemento
  • all’occorrenza lana minerale spessa per l’insonorizzazione
  • un aiutante
  • Protezione dell’udito, protezione degli occhi e protezione delle vie respiratorie (durante la perforazione nel calcestruzzo)
  • aspirapolvere

Suggerimento: preforare sempre i fori

Non appena vuoi costruire tu stesso un supporto in legno, dovresti pensare a trapani per legno, avvitatori a batteria e viti per legno. Il semplice collegamento di assi e travetti con viti per legno non è ottimale. Il legno può rompersi a questo punto e rompersi in seguito. Questo non solo ha un aspetto brutto, ma riduce anche la stabilità della parete con montanti in legno. Questo non può accadere con i fori preforati. Nel caso di fori grandi, ad esempio per gli ancoraggi a terra, è possibile anche smussare i fori passanti con una punta più grande. Un piccolo smusso, quella piccola smussatura tra le linee orizzontali e verticali lungo il foro, impedisce al legno di spaccarsi.

1. Calibrazione

In questa guida all’assemblaggio, assumiamo che tu voglia installare una parete divisoria in un edificio esistente.

Quando costruisci tu stesso un supporto in legno, molto dipende dalla preparazione. A seconda di quanto dovrebbe essere complesso il progetto, prima disegna uno schizzo. Ci sono numerosi programmi disponibili su Internet che possono aiutarti in questo, come  FREECAD  o  INKSCAPE . Disegna nel punto esatto in cui deve essere eretto il muro di legno. Usa la livella per tracciare un filo a piombo sul muro dove vuoi che il muro di montanti appoggi. Più sei preciso nella misurazione, più facile sarà per te costruire da solo la struttura in legno in seguito.

2. Dal basso verso l’alto

Disegna una linea sul pavimento con una matita. Deve correre esattamente lungo il bordo esterno della parete con montanti in legno, meno lo spessore dell’assito. Allineare la traversa inferiore con questa linea. Questo è fissato al suolo con stabili ancoraggi in cemento. Per fare ciò, preforare i fori non solo nel calcestruzzo ma anche nella trave e smussare i fori con una punta più grande. Ricontrolla il risultato per essere assolutamente sicuro. Ora puoi correggere qualcosa in modo non distruttivo e spostare il muro di alcuni centimetri. Più tardi questo non è più possibile.

Se si vuole incassare una porta nel muro, assicurarsi che anche il lato corto della trave del piede sia ancorato almeno due, preferibilmente tre volte, nel pavimento. Con una barra a punta continua, lasciare qualche millimetro di spazio su entrambi i lati. Questo non è necessario con un’apertura della porta.

3. Fissare i lati

Le travi sono ora attaccate a destra ea sinistra del muro per il fissaggio laterale. Sono anche fissati alle pareti laterali con ancoraggi per impieghi gravosi. Prendi la traversa fissa come punto di misurazione e usa la livella per tracciare una linea verticale verso l’alto. Questa linea è il punto d’incontro per le barre verticali. Tirare la trave fino al soffitto e lasciare lì alcuni millimetri d’aria. Ecco come può funzionare il legno.

4. Fissare i travetti del soffitto

Il fissaggio della trave del soffitto dipende dal fatto che si lavori da soli o in coppia. Se lavori da solo, puoi avvitare un supporto alle travi verticali con un semplice angolo in acciaio. Per prima cosa posiziona la trave del soffitto lì prima di fissarla al soffitto. Per ragioni di stabilità, la parete con montanti in legno deve essere sempre fissata alla struttura dall’altro lato. Inoltre, previeni una brutta copia. Anche la trave del soffitto è fissata con un numero sufficiente di ancoraggi in calcestruzzo. Preforare i fori nella trave a intervalli regolari. Posizionare la trave sulle due staffe ausiliarie e segnare i punti di foratura sul soffitto in cemento. Abbassa di nuovo la trave del soffitto e pratica i fori per tasselli nel soffitto. L’aiutante può raccogliere la polvere di perforazione con l’aspirapolvere.

5. Tirare la barra di ritegno

La cassaforma è installata trasversalmente alla direzione delle travi interne. Di norma, le schede maschio e femmina sono installate una sopra l’altra. Di conseguenza, le travi di sostegno interne devono essere avvitate verticalmente. Tuttavia, se si desidera una cassaforma verticale, è necessario installare le travi interne orizzontalmente. Questo è irrilevante per la statica della parete con montanti in legno all’interno. All’esterno, invece, è necessario installare il rivestimento in orizzontale a causa della resistenza agli agenti atmosferici.

È possibile utilizzare travi più sottili per le travi interne. Tuttavia, devono essere larghi quanto le travi del telaio in modo da formare una linea continua con loro. Gli angoli sottili sono l’ideale per questo, che collegano le travi interne al telaio con piccole viti per legno. Anche in questo caso, puoi lasciare alcuni millimetri d’aria in alto. Ciò impedisce al legno di screpolarsi e scricchiolare quando la temperatura cambia. Non ci sono traverse diagonali qui perché le pareti in mattoni dell’edificio garantiscono stabilità trasversale.

6. Fissare l’involucro su un lato

Allineare il pannello inferiore con grande cura e precisione. Usa la livella e ricontrolla prima di attaccare il secondo pannello. Quindi chiudi semplicemente la pagina. Inserire i pannelli maschio e femmina l’uno nell’altro e fissarli con i chiodi forniti. Potrebbe essere necessario tagliare il pannello superiore con una sega. Utilizzare una sega circolare da banco che può essere regolata con precisione. Nella parte superiore, dovrai inchiodare o avvitare il lato visibile dei pannelli. A tale scopo sono disponibili in commercio appositi cappucci protettivi, con i quali è possibile “mimetizzare” nuovamente le teste delle viti. All’occorrenza, per ripristinare l’estetica della parete, che è interamente rivestita con pannelli maschio e femmina, è adatto anche un bastoncino di vernice.

7. Isolare

Nel caso di una parete intermedia o divisoria, la lana isolante viene utilizzata meno per l’isolamento termico che per l’isolamento acustico. Le pareti divisorie non isolate lasciano passare praticamente ogni tosse, il che può rivelarsi rapidamente molto fastidioso. Il commercio offre lana isolante particolarmente densa per questo scopo. Offre la massima insonorizzazione possibile. Il materiale isolante viene semplicemente tagliato a misura e inserito nei campi aperti. Se necessario, la lana isolante può essere protetta dall’ingresso di umidità da una pellicola. Questo ha senso, ad esempio, se la parete divisoria è installata in una lavanderia. Se c’è una grande sorgente sonora sull’altro lato della partizione, rendere il muro più spesso di conseguenza.

8. Rifinisci il muro con montanti in legno

Dopo l’installazione della lana isolante, il secondo lato della parete con montanti in legno viene rivestito con assi. Procedi allo stesso modo della prima pagina. Quindi il muro con montanti in legno è finito.